qualità

logo-rina-300px

La cooperativa San Martino ha iniziato, nell’ambito del Progetto Qualità del Consorzio Nazionale CGM, l’implementazione del sistema gestione qualità nel corso del 2003. La scelta della Direzione è stata di non accelerare i tempi per la certificazione, ma di lasciare che tutta l’organizzazione avesse il tempo per partecipare in modo attivo ad un reale processo di organizzazione e miglioramento. La certificazione è stata ottenuta nell’anno 2006 ed è stato un ulteriore stimolo per tutto il personale al miglioramento continuo. La Direzione, in coincidenza con l’aumento della base sociale, con l’avvio di nuovi servizi, con la complessiva crescita dell’organizzazione, con la conclusione del primo triennio di gestione in qualità, ha voluto continuare con la strada premiante della partecipazione coinvolgendo tutti i soci in un lavoro di aggiornamento e ridefinizione della Politica, dei macro obiettivi e degli obiettivi annuali, riponendo nei soci la principale responsabilità di successo della storia imprenditoriale della cooperativa.
Politica e macro obiettivi per il triennio 2012-2014

Promuovere nel territorio della Provincia di Siracusa un modello innovativo di “servizi di cura” rivolti alla persona disabile durante l’arco della vita,  attraverso…

• Sviluppo delle competenze specialistiche supportate da formazione, consulenza e supervisione con soggetti esperti in ambito nazionale;
• Progettazione dei nuovi servizi da offrire;
• Ridefinizione dei servizi offerti;
• Sviluppo di alleanze con altre organizzazioni e associazioni;
• Miglioramento dei processi di erogazione dei servizi principali

Qualificare nel territorio la cooperativa come Impresa di Comunità secondo il modello di CGM, attraverso:

• Formazione continua dei soci sui temi dell’impresa sociale per favorire l’ulteriore sviluppo societario e la distribuzione delle responsabilità;
• Consolidamento delle relazioni con CGM programmando la partecipazione dei soci della cooperativa nei luoghi di partecipazione imprenditoriale delle Società di Scopo come Comunità Solidali;
• Coinvolgere il territorio… enti pubblici, famiglie, associazioni di utenti… e la comunità nell’ambito della quale la cooperativa opera, nella progettazione di servizi integrati e innovativi, aumentando e migliorando la comunicazione al territorio, anche attraverso la redazione partecipata del BRES, l’organizzazione di convegni, l’aggiornamento del sito, la diffusione di materiale informatico.